Home > Rock > Wilco – Sky Blue Sky

Wilco – Sky Blue Sky

2 Ottobre 2007

Wilco
Sky Blue Sky
Maggio 2007 (Nonesuch)

Domenica 30 settembre 2007 ore 23:30.

Sono alla guida della mia auto sulla tangenziale di Torino. Stiamo tornando a casa dopo lunghe ore di passione. Nel lettore CD dell’auto scorre l’album dei Wilco Sky Blue Sky e quando arriva il brano On And On And On, ci rendiamo davvero conto che la nostra tristezza è davvero infinita. Non potevamo immaginare una colonna sonora più appropriata per porre l’accento sul nostro stato d’animo. Nell’auto abbiamo tutti e quattro gli occhi nel vuoto. Nessuno parla, abbiamo esaurito la voce e il fiato. Ascoltiamo i Wilco, mentre il nostro spirito è stato spezzato. Non saprei scegliere se sembriamo gli scozzesi di Braveheart nel giorno della sconfitta contro gli arroganti e furbi inglesi, o piuttosto i 300 spartani schiantati alle Termopili dagli strapotenti persiani.

E’ appena terminato il Derby della Mole, dove i nostri colori granata sono stati scippati di un risultato meritato. Era il novantatreesimo del secondo tempo, quando l’arbitro ha deciso di convalidare il gol gobbo seppur viziato da una posizione di evidente fuorigioco.

Fino a quel momento era stata una festa (quasi) perfetta. Perfetta, se possiamo escludere i soliti deficienti (di qualsiasi colore) che avevano commesso atti vandalici fuori lo stadio. Ma nel piccolo stadio olimpico l’atmosfera era stata magica. I cori di sfottò ci avevano divertito prima della partita. Gli striscioni andavano e venivano come si rispetta in ogni sfida stracittadina. Le coreografie sugli spalti avevano funzionato alla perfezione (spettacolari le nostre, ovviamente pressoché inesistenti quelle avversarie). I canti e le urla d’incitamento non si erano mai chetati durante il gioco. Era stata una partita maschia e autentica. Avrei detto una partita equilibrata se non avessi costatato che nel secondo tempo era emersa una manifesta superiorità sul campo da parte dei nostri undici leoni.

Il nostro entusiasmo era alle stelle mentre deridevamo i cugini bianconeri per la loro tracotanza. Ma quando è arrivato il gol, il nostro urlo ci è morto in gola.

Il silenzio nello stadio è allora diventato agghiacciante, mentre la minuscola curva bianconera tripudiava per l’inaspettato e ingiustificato regalo. Ma noi non li sentivamo. Non avvertivamo per nulla la loro esultanza e i loro cori crudeli. La nostra delusione era così assordante che non sentivamo più niente. La nostra squadra è uscita dal campo con onore, mentre negli occhi dei nostri giocatori leggevamo chiaramente il nostro stesso sconforto. E così gli abbiamo tributato un sincero e caldo applauso, tutto quello che ci restava. Un composto saluto è stato il nostro segno di gratitudine: nulla potevamo di più. Nessuna polemica, nessun insulto ai giocatori, né all’allenatore, né alla società. Tanto meno all’arbitro.

La nostra frustrazione era così grande che siamo usciti dallo stadio in grande silenzio. Il passaggio dalla gioia allo sconforto è stato così rapido che ci ha preso di sorpresa. Siamo usciti dallo stadio in silenzio tutti. Nessuno fiatava. I pochi commenti risultavano fastidiosi: sembrava quasi che non importasse a nessuno che fosse fuorigioco o meno (ma eccome se lo era!).

E così ora siamo qui sulla tangenziale di Torino che torniamo a casa mentre la struggente voce di Jeff Tweedy il leader dei Wilco canta:

Please don’t cry
we’re designed to die
Don’t deny what’s inside
On and on and on
we’ll stay together yeah
On and on and on

Non proviamo nulla, solo una tristezza infinita. Sappiamo che risorgeremo, ma in questo momento non abbiamo forza di pensare a nulla. Dentro di noi c’è solo una tristezza infinita.

 


Per ascoltare On And On And On, andate su http://wilcoworld.net/records/sbs.php e scegliete la traccia numero 12, l’ultima dell’album Sky Blue Sky.

  1. 2 Ottobre 2007 a 23:58 | #1

    I confini…e Me.

    Ti abbraccio

  2. 3 Ottobre 2007 a 9:17 | #2

    So esattamente come ti senti, non perchè io sia una tifosa, ma perchè mio papà è un tifoso sfegatato del Torino e quando l’ho sentito lunedì mattina dopo il derby aveva la tua stessa tristezza nel cuore. Lui non riesce neanche a guardare le partite in tv perchè “soffre” troppo e nella mia memoria ci sono ricordi altrettanto tristi di domeniche “rovinate” per i risultati di calcio… Per me è inspiegabile però capisco come ti senti.

    Spero che tu stia meglio oggi.

    Buona gioranta.

  3. 3 Ottobre 2007 a 11:36 | #3

    ehh…già…dei veri combattenti delusi e ammosciati….

    ognuno hale sue grandi passioni che ogni tanto si divertono a darci una bella scottatura…

    scrivi bene…complimentli!

    anche per aver evitato l’atteggiamento ben poco signorile che in genere ha chi perde in queste dispute sopratutto ingiustamente.

    marty

  4. 4 Ottobre 2007 a 12:17 | #4

    Non e’ sport,e’ violenza gratuita.ciao

  5. 5 Ottobre 2007 a 20:56 | #5

    Ciao Renato! Bello il tuo post, hai reso benissimo le tue sensazioni anche ad una non tifosa come me. Ho anche messo in sottofondo la canzone dei Wilco da you tube…ti posso suggerire di proporre anche un’invito all’ascolto (anche da youtube ad esempio)ogni volta che parli di un artista, di un album o di un pezzo? Secondo me sarebbe un bel completamento, oh ma è solo una mia opinione eh…

    Buona serata :)

  6. elle
    8 Ottobre 2007 a 21:57 | #6

    Qualche giorno è trascorso dal derby,va un pò meglio? E dai che si,domenica scorsa col Doria siete stati grandi…un grazie sincero da un cuore rossoblu:)))

    Wilco,e la tristezza…affiderai il ricordo di una partita a quelle note?

  7. 11 Ottobre 2007 a 22:06 | #7

    oh sì li conosco questi momenti di tristezza infinita…

    ora capisco il commento.

    già, anche queste piccole cose condiscono di gusto o di amarezza la vita

    ciaoooo

  8. 17 Ottobre 2007 a 15:10 | #8

    che bello però passar di qui e vedere questo amore per la musica… e ben harper

  9. 24 Ottobre 2007 a 12:55 | #9

    Dove sarai sarò!

  10. 28 Ottobre 2007 a 20:10 | #10

    Racconti di un un’amarezza che neanche l’ascolto del pezzo dei Wilco riesce ad addolcire…

    bello il parallelo che ne fai tra la tristezza che pervade l’animo e la canzone che sembra accompagnare questo sentire.

    Salutoni

  11. 28 Ottobre 2007 a 21:45 | #11

    ciao! il birdland ha riaperto i battenti!!! passa a trovarci

  12. 24 Giugno 2010 a 12:00 | #12

    I had a desire to start my business, but I didn’t have enough of money to do it. Thank God my close colleague suggested to take the mortgage loans. Thence I received the small business loan and made real my desire.

  13. 5 Agosto 2011 a 22:56 | #13

    If you want to buy a house, you would have to receive the personal loans. Moreover, my sister commonly utilizes a short term loan, which occurs to be really useful.

  14. 7 Maggio 2013 a 8:01 | #14

    Ottimo articolo . Sto sperimentando alcuni di questi problemi così .
    .

I commenti sono chiusi.